IRSAP punta a raddoppiare il fatturato entro il 2027

Divenuta, in 60 anni di storia, leader in Italia e uno dei primi player europei nel settore del riscaldamento, IRSAP continua a porsi obiettivi sempre più importanti per il proprio futuro: attraverso un concreto piano di sviluppo che verterà su processi di digitalizzazione e acquisizioni strategiche in Europa, nonché grazie a un passaggio generazionale efficacemente gestito (premiato anche da Aidaf nel contesto del diciottesimo Premio Alberto Falck), l’azienda mira ora a una crescita record.

Un grande passato alle spalle e un ancor più grande futuro all’orizzonte, frutto di una visione imprenditoriale che si delinea già oggi chiara, strategica e altamente sfidante. Così potremmo descrivere il percorso della rodigina IRSAP – leader in Italia e tra i top player europei nel settore del riscaldamento – che, con 60 anni di know how, continua con determinazione a volgere lo sguardo al domani, puntando a obiettivi sempre più rilevanti.

Meritevole di aver scritto una pagina cruciale nella storia del mercato del riscaldamento – IRSAP ha infatti rivoluzionato il concept di radiatore, proponendo per la prima volta il prodotto come un complemento d’arredo anziché un semplice elemento riscaldante e ideando il neologismo termoarredo®*, poi entrato nel linguaggio comune – l’azienda ha tagliato un traguardo dopo l’altro dalla fondazione ai nostri giorni, sotto la guida di Orazio Rossi prima e del figlio Fabrizio poi, arrivando oggi a numeri più che importanti: un fatturato di 170 milioni di euro (al 31 dicembre 2022), 1120 dipendenti, un headquarter ad Arquà Polesine di Rovigo e quattro filiali commerciali in Europa, 500.000 m² di area produttiva e uffici, oltre 230.000 soluzioni tecniche ed installative. Il disegno dell’azienda per il proprio futuro è però ora ancor più articolato e ambizioso. Dal 2016, IRSAP sta infatti gestendo efficacemente un passaggio generazionale (di recente l’azienda ha a riguardo ricevuto la menzione per il “Miglior passaggio generazionale” al diciottesimo Premio Alberto Falck, nel contesto del convegno annuale di Aidaf – Italian Family Business) che ha visto la progressiva cooptazione del nipote del fondatore; con una laurea in Bocconi e un Mba in India, Marco Rossi ha prima maturato un’esperienza di quattro anni nelle varie divisioni della società, per divenire poi co-amministratore delegato di IRSAP nel 2020, con incarichi via via sempre più rilevanti. In collaborazione col resto della famiglia, Marco Rossi ha definito in questi anni i driver di un ardito piano di sviluppo di cui ora si sta occupando in prima persona e che punta a una crescita straordinaria, con un raddoppio dei ricavi entro il 2027.

“Abbiamo attivato un percorso a step – dichiara il Co-AD Marco Rossi: dopo una prima fase in cui, anche attraverso la consulenza di esperti esterni, sono stati attentamente valutati i punti di forza e debolezza dell’azienda, come le opportunità e i rischi, abbiamo stabilito le nostre direttrici di sviluppo, dalla sostenibilità concreta al design, dall’attenzione al cliente alla valorizzazione delle Persone, dall’efficienza alla crescita. Forti di questi indirizzi, oggi puntiamo a raddoppiare il fatturato entro il 2027 spingendo l’acceleratore su digitalizzazione dei processi, integrazione tra rete commerciale e produzione, automazione produttiva e internazionalizzazione con acquisizioni strategiche nel mercato europeo in riferimento agli ambiti della ventilazione meccanica, della climatizzazione e della domotica, settori che da anni abbiamo iniziato a presidiare con successo. L’obiettivo che ci siamo posti – conclude Marco Rossi – è impegnativo ma al contempo entusiasmante e contiamo di raggiungerlo nei tempi previsti.”

*Nel 1988 IRSAP ha registrato il marchio i Termoarredatori®

https://www.irsap.com/it/

Il Gruppo IRSAP

Realtà in costante evoluzione, il Gruppo IRSAP è leader in Italia e tra i top player europei nel settore del riscaldamento. Fondata nel 1963, l’azienda progetta, produce e commercializza radiatori tubolari in acciaio ed è all’origine del concept di termoarredo®, ideando il quale, a inizio anni ’80, la società ha rivoluzionato il mercato, proponendo per la prima volta il prodotto come un complemento d’arredo anziché un semplice elemento riscaldante.

Con l’obiettivo di essere il punto di riferimento nelle soluzioni di comfort per la casa, sviluppando sempre nuove tecnologie grazie a costanti investimenti in ricerca e sviluppo nonché a collaudate collaborazioni con i più accreditati istituti universitari e di ricerca, l’azienda è strutturata in tre diverse business unit: oltre ad IRSAP heat, dedicata al mondo del radiatore, hanno acquisito un’identità autonoma le divisioni IRSAP smart, che propone sistemi di riscaldamento intelligenti e IRSAP air, che si occupa invece dello specifico ambito della Ventilazione Meccanica Controllata.

L’impegno concreto verso la sostenibilità, primo e più importante driver di sviluppo dell’azienda, e l’attenzione rivolta ogni giorno alle proprie Persone, alle quali IRSAP offre un fermo impegno verso la diversità, l’inclusione e le pari opportunità, un ben delineato piano Welfare, e la più accurata protezione in tema di salute e sicurezza sul lavoro, completano il profilo di un’impresa che è emblema di una nuova stagione dell’imprenditorialità, tesa ad evolvere ogni giorno verso un paradigma sempre più virtuoso, in cui la performance economica si concilia costantemente con la massima attenzione a un positivo impatto a livello ambientale e sociale.

Con headquarter ad Arquà Polesine in provincia di Rovigo, due stabilimenti produttivi, in Italia e in Romania, e quattro filiali commerciali in Francia, Spagna, UK e Germania, IRSAP conta 1120 collaboratori.

Ufficio Stampa IRSAP:

GoodwillPR

045 8204222

www.goodwillpr.it

Rif: Federica Cozzani

federica.cozzani@goodwill-pr.it

328 2866040

Ambiente Magazine

AD BLOCKER DETECTED

Abbiamo notato che stai usando un AdBlocker. Questo sito sopravvive grazie alle pubblicità, che ci assicuriamo che siano informative, legate al mondo dell'ambiente e non invasive. Ti chiediamo quindi cortesemente di disattivare l'AdBlocker su questo sito. Grazie!

Please disable it to continue reading Ambiente Magazine.