DALTERFOOD GROUP PROSEGUE NEL SUO PERCORSO VERSO LA SOSTENIBILITÀ: AVVIATO UN NUOVO IMPIANTO FOTOVOLTAICO DI UN SITO PRODUTTIVO CHE CONSENTE DI SODDISFARE IL 30% DEL FABBISOGNO ENERGETICO

L’impianto è installato presso il caseificio Colline di Selvapiana e Canossa (RE)di proprietà dell’azienda e risponde concretamente al piano di investimenti in energie rinnovabili riportati nel bilancio di sostenibilità, giunto alla sua seconda edizione.   

Sant’Ilario d’Enza (RE, Italia), 29 gennaio 2024 – Con l’attivazione dell’impianto fotovoltaico presso il Caseificio di proprietà Colline di Selvapiana e Canossa sull’Appenino Reggiano, DalterFood Group, oggi tra i big player europei del settore lattiero-caseario, compie un ulteriore passo concreto nell’essere sempre più sostenibile. L’impianto, dalla potenza nominale da 100KW/ora, inaugurato e già funzionante, consente la produzione autonoma del 30% del fabbisogno di energia elettrica. 

“L’investimento è parte di una più ampia strategia, come riportato nel nostro bilancio di sostenibilità, giunto alla seconda edizione, che vede l’efficientamento energetico tra gli asset fondamentali e prioritari – dichiara Andrea Guidi, Direttore Generale DalterFood Group -. Un orientamento confermato da un processo avviato nel 2022 di diagnosi energetica dei due caseifici di proprietà dell’azienda – Caseificio di Cigarello e Canossa e Caseificio Colline di Selvapiana e Canossa – e del sito produttivo Dalter Alimentari S.p.A., con l’obiettivo di accelerare gli sforzi nella transizione energetica per soddisfare le crescenti esigenze in un’ottica green”.

 …

  Qui comunicato completo e immagini
 Ada Agosti
Media Relator
M. +39 340 1288532 – Ph. +39 030 3539159
www.soluzionegroup.com 

Ambiente Magazine

AD BLOCKER DETECTED

Abbiamo notato che stai usando un AdBlocker. Questo sito sopravvive grazie alle pubblicità, che ci assicuriamo che siano informative, legate al mondo dell'ambiente e non invasive. Ti chiediamo quindi cortesemente di disattivare l'AdBlocker su questo sito. Grazie!

Please disable it to continue reading Ambiente Magazine.